CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.11.2017

Scuole e diritto allo studio:
confermato il «tesoretto»

Una città nella città: sono 6207 gli alunni che tutti i giorni a Desenzano varcano la soglia di un’istituto scolastico, dall’asilo alle scuole superiori, a vario titolo coinvolti dal piano per il diritto allo studio da 2,5 milioni di euro (100 mila in più dell’anno scorso) approvato lunedì in Consiglio comunale.

Sono nove le scuole statali di competenza comunale (quattro dell’infanzia, tre elementari e due medie) e quattro di competenza provinciale o regionale (Bagatta, Bazoli-Polo, Caterina De Medici e Durighello) a cui si aggiungono tre scuole paritarie autonome, tra cui i Rogazionisti. Un «mondo» al quale il Comune non ha mai fatto mancare risorse importanti.

Le spese più significative del Piano per il diritto allo studio di quest’anno riguardano il trasporto scolastico e l’assistenza sullo scuolabus (271mila euro), la mensa scolastica (963mila), l’assistenza ad personam per 93 ragazzi portatori di handicap (684mila euro). Altri numeri: sono 410 gli iscritti al trasporto scolastico, 145 al pedibus, 1529 quelli che si fermano in mensa, 184 coinvolti in attività pre e post scuola.

Tante le novità proposte dall’assessore Annalisa Colombo, in carica da pochi mesi, che con questo Piano è al «battesimo del fuoco». Si segnalano il premio per l’eccellenza («che non premierà chi ha preso i voti migliori ma chi ha concluso al meglio il suo percorso, anche in situazioni particolari»), interventi e ospiti («personaggi rappresentativi»), e l’iniziativa «Scopri il tuo talento».

Polemiche poche, ma inevitabili: «Fa piacere che il piano ricalchi quello degli anni precedenti - ha detto Rosa Leso, ex sindaco del Pd - perché riconosce il lavoro svolto da tutte le amministrazioni. Ma ci sono cose che mi lasciano perplessa, come l’affidamento diretto a un’associazione di un progetto di educazione motoria per oltre 35mila euro, non richiesto dalle scuole e nemmeno inserito nel piano ufficiale». A.GAT.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1