CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.11.2018

Storni morti,
sul lago una
strage silenziosa

Carcasse di storni sulla spiaggia a Rivoltella: sono parecchie decine
Carcasse di storni sulla spiaggia a Rivoltella: sono parecchie decine

«Li avrà acchiappati il gatto, poverini». Questo aveva pensato due settimane fa a Desenzano un residente di via Rambotti, trovando due storni morti sul vialetto tra il portone e il cancello. E non sembrava strano più di tanto che gli uccellini non mostrassero alcun segno di lacerazioni per la «lotta» un il gatto.

UCCELLI MORTI in un giardino: succede in natura. Invece quello era soltanto uno dei primi riscontri di una inquietante e massiccia moria di storni, comparsi ormai a centinaia su tutta la zona costiera, sul lago o a poca distanza, tra Desenzano e Sirmione. Un fenomeno già rilevato sia dal Comune di Desenzano sia dalla sezione Brescia-Bergamo del Wwf, che hanno consegnato alcune carcasse all’Ats e all’Istituto Zooprofilattico per capire che cosa stia uccidendo tutti questi storni in un’area circoscritta. «Dopo varie segnalazioni sono andato a vedere: ne ho trovati una cinquantina tra la spiaggia e il canneto della Zattera di Rivoltella - racconta Paolo Zanollo del Wwf -, poi mi sono spostato sotto al Baraonda, sempre a Rivoltella, e non ho vista un’altra trentina. Ma anche a Sirmione, in zona Brema, mi hanno riferito di averne trovati a decine sulla spiaggia».

IPOTESI? «Tantissime, anche fantasiose - risponde l’attivista del Wwf -. Possibile un’epidemia, o un avvelenamento: un grande stormo di uccelli potrebbe aver sostato per cibarsi, tutti insieme, con materiale contaminato per esempio da pesticidi. Ma anche questa è un’ipotesi. In internet c’è chi parla dell’attivazione della rete informatica 5G come causa della moria, ma su quali basi lo dicono? Come Wwf abbiamo chiesto delle analisi all’Ats e aspettiamo a breve i risultati». Anche dal Comune è stato chiesto un parere all’Istituto Zooprofilattico di Brescia, che ha ricevuto alcune carcasse da esaminare: «Sono esemplari trovati nella zona del porto di Desenzano - riferisce Rino Polloni, presidente del Consiglio comunale, che si è interessato la settimana scorsa dopo le segnalazioni di diversi cittadini -. Ne abbiamo consegnati alcuni allo Zooprofilattico e a breve andremo a chiedere l’esito delle analisi».

Valentino Rodolfi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1