Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 12 dicembre 2017

Esplode motoscafo
sul molo, ustionata
un’intera famiglia

Il motoscafo ancora in fiamme all’arrivo della Guardia costiera (BATCH)

Il motoscafo che esplode e proietta tutti in acqua, le fiamme, il fumo, la paura, padre e figlio in ospedale, il resto della famiglia terrorizzato, la macchina dei soccorsi che scatta tempestiva con Guardia costiera, ambulanze vigili del fuoco, autolettighe e persino due elicotteri.

È stato un compleanno davvero da incubo quello vissuto ieri pomeriggio a Villa di Gargnano da un turista tedesco di cinquant’anni con la sua famiglia. Mai avrebbe immaginato, dopo aver spento le candeline della torta di compleanno al ristorante, di rischiare la vita con i propri cari per lo scoppio del motore del motoscafo utilizzato poche ore prima per raggiungere, da Punta San Vigilio, l’hotel Baia D’Oro sulla sponda bresciana del lago.

LA COMITIVA composta da padre 50enne, madre 39enne e i due figli rispettivamente di 11 e 8 anni era giunta nel prestigioso hotel gargnanese all’ora di pranzo per festeggiare il compleanno del capofamiglia.

Intorno alle 16.30, dopo la festa, i quattro stavano salpando dal molo del ristorante, quando all’improvviso per cause in corso di accertamento, all’atto dell’accensione, si è verificato uno scoppio al motore del loro Riva Junior di circa sei metri.

IL «BOTTO» ha sbalzato in acqua tutti gli occupanti del natante. Subito soccorsi dal personale dell’hotel, i turisti sono stati riportati a terra e accompagnati all’interno del ristorante, in attesa dell’arrivo dei mezzi del 112. Sul posto anche due eliambulanze provenienti da Brescia e Sondrio, oltre alle zutoambulanze giunte dal vicino presidio di Gargnano e da Roè Volciano, che hanno condotto i quattro sfortunati turisti rispettivamente al civile di Brescia (padre e figlio 11enne i più gravi) e all’ospedale di Gavardo (la mamma e l’altro bibmo) per curare le ustioni riportate nell’incidente.

Le fiamme e la colonna di fumo, visibile da Gargnano a Bogliaco, hanno allarmato non poche persone radunatesi alla Riva Granda di Villa, in attesa dell’arrivo dell’unità navale della Guardia Costiera di Salò, che prontamente ha domato l’incendio del natante. Sul posto anche l’unità navale dei Vigili del fuoco di Salò.