CHIUDI
CHIUDI

16.12.2018

Il «super macigno» fa ancora paura

Accanto all’ombra dell’elicottero il «taglio» sulla massa rocciosa
Accanto all’ombra dell’elicottero il «taglio» sulla massa rocciosa

Continueranno anche nel 2019 i monitoraggi sul versante sud del monte Comer di Gargnano, per tenere sott’occhio il pilastro roccioso pericolante di 1.500 metri cubi, rimasto instabile in parete dopo i crolli del 2011. La prosecuzione del monitoraggio elettronico sulla parete, interessata 7 anni fa dal distacco di una quindicina di grossi macigni, è stata prorogata fino al 30 aprile 2019. La zona infatti fa ancora paura e il pericolo di nuovi episodi non è affatto remoto. A certificarlo purtroppo, il macigno di circa 6 metri cubi staccatosi a inizio novembre dalle parti dell’eremo di San Valentino e precipitato a valle per mezzo chilometro, sfiorando alcune case prima di arrestare la sua corsa nel greto del rio Guandalini. Con l’arrivo di fondi regionali, la zona sud del monte Comer è stata messa in sicurezza con due valli paramassi della lunghezza di 77 e 55 metri, posizionati a due differenti quote altimetriche, rispettivamente a 300 e 400 metri, ma rimane sempre instabile il blocco di 1500 metri cubi, che si trova nella parte destra del torrione dal quale sono avvenuti i distacchi la sera del 12 ottobre 2011. I primi tempi si svolgeva un monitoraggio radar in grado di segnalare al decimo di millimetro le deformazioni strutturali della montagna. In seguito, sono stati invece posizionati nella parete instabile degli «estensimetri», capaci di segnalare ogni più impercettibile movimento. •

L.SCA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1