CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.07.2017

L’«uomo-sandwich»
denuncia
il sindaco

Giorgio Ceruti, fondatore del comitato, in versione «uomo sandwich»
Giorgio Ceruti, fondatore del comitato, in versione «uomo sandwich»

Il comitato civico «Municipalità di servizio» ha depositato alla stazione dei carabinieri di Gargnano una denuncia querela indirizzata alla Procura della Repubblica di Brescia nei confronti del sindaco Giovanni Albini.

L’accusa del comitato è di «omissione di atti d’ufficio», spiegando però che la denuncia va intesa «come mezzo coercitivo per avere le risposte dovute» Il Comitato infatti aveva raccolto firme per cinque petizioni, che la Giunta comunale non ha mai preso in considerazione: qui la presunta «omissione».

ALLA GUIDA del comitato è Giorgio Ceruti, che nel 2015 elaborò cinque istanze su vari argomenti. Chiedeva nuovi regolamenti sulla partecipazione dei cittadini, sul bilancio partecipato, sul testamento biologico, sulla costituzione di un Albo delle associazioni, oltre alla risoluzione della convenzione edilizia privata con la Società lago di Garda.

Le petizioni, che Ceruti aveva pubblicizzato anche come «uomo sandwich con dei cartelli appesi al collo, superarono il quorum previsto dallo Statuto e furono depositate in Comune a dicembre 2015. «Dopo un anno di attesa - spiegano - diffidammo formalmente a fornire alle cinque istanze le dovute risposte entro 30 giorni e, non avendo ricevuto alcun riscontro, ripetemmo la richiesta il 31 gennaio mettendo in copia il Prefetto di Brescia ed evocando per la prima volta il ricorso all’Autorità giudiziaria».

IL SINDACO di Gargnano, Giovanni Albini, rispedisce l’accusa al mittente. «Una delle petizioni, quella sulla partecipazione, arrivò in Consiglio comunale per essere approvata - ricorda - ma un consigliere di opposizione si accorse che il testo era stato scaricato pari pari dal sito di un altro Comune. Per scriverlo con una formula più adatta, rinviammo il tutto e decidemmo di organizzare un incontro con due membri del comitato, i capigruppo di minoranza, il sottoscritto e il segretario per approfondire le tematiche. In quell’occasione gli unici a non presentarsi furono proprio i due esponenti del Comitato. In tutta questa vicenda - chiosa Albini - non ci saremo magari mossi con la velocità della luce, ma mi sa che l’unico scopo per loro è quello di farsi pubblicità».

Luciano Scarpetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1