Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 15 agosto 2018

Torna ai voti
il bilancio
Ma Zanini
si dimette

Nicola Zanini, del gruppo di minoranza «Idee in Comune» ha rassegnato le dimissioni dal Consiglio comunale di Gargnano. Sarà sostituito da Michele Giambarda.

Alla base della decisione c’è un’interpretazione piuttosto restrittiva della legge Severino, là dove si parla di incompatibilità degli eletti in enti pubblici con incarichi professionali. Zanini lavora come dipendente all’ufficio tecnico del Comune di Toscolano Maderno e ultimamente anche in quello di San Felice come libero professionista.

«Nicola - ha dichiarato il capogruppo Bruno Bignotti - continuerà in ogni caso a lavorare con noi, senza più far parte del Consiglio».

La surrogazione del consigliere dimissionario avverrà martedì sera nel Consiglio comunale convocato per ratificare gli errori materiali nella tabella delle tariffe della Tassa rifiuti e per approvare il bilancio di previsione finanziario per il triennio 2017/19.

Come si ricorderà, i conti sballati sulle tariffe vennero scoperti nell’ultima seduta consigliare dalle minoranze con la presentazione di una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco e assessore al bilancio, Giovanni Albini, ritenuta comunque inammissibile per vizi di forma dal segretario comunale. L.SCA.