Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
domenica, 22 ottobre 2017

Voci sul parcheggio
della ex «Società»
Possibile riapertura

Avevano destato curiosità nell’ultimo Consiglio comunale alcune affermazioni del Sindaco di Gargnano, Giovanni Albini, in merito allo stallo ormai pluriennale, del recupero del complesso dell’ex Società lago di Garda.

«Proprio in questi giorni - aveva accennato in aula senza entrare in ulteriori particolari - ho avuto un colloquio con l’amministratore delegato della Società». Tutto qui. Lasciando aperta una domanda: tornerà abigile l’area del parcheggio? Cadrà iol «muro» che chiude l’area di cantiere?

PUNTUALE, ecco giungere l’interrogazione del gruppo consiliare di minoranza «Idee in Comune», per chiedere se la conversazione abbia portato qualche risultato.

«Oltre per sapere se ci siano novità sul recupero dello stabile – puntualizza il capogruppo Bruno Bignotti – chiediamo se il colloquio è stato propedeutico magari anche solo per poter tornare a utilizzare l’area esterna a parcheggio».

Da fine febbraio la proprietà ha deciso, per problematiche a livello assicurativo, di inibire alle auto lo spiazzo destinato dal 2004 a ospitare in comodato gratuito al Comune circa 35-40 auto. «Si è forse parlato - chiede Bignotti - anche della passeggiata a lago (anch’essa chiusa dall’agosto 2013) e forse della staccionata del cantiere su area pubblica e mai tolta nonostante siano scaduti i termini del permesso di costruire?».

E ancora: «Vorremmo sapere se verrà liberata l’area di fronte all’ex sala della cernita dei limoni e se in quella zona viene corrisposta la tassa di occupazione pubblica».

Oltre alla Società lago di Garda, «Idee in Comune» ha presentato interrogazioni anche per l’area di Real Estate di fronte all’asilo («Ci sono novità anche in questa zona dato che il permesso di costruire è ormai scaduto? Non sarebbe il caso di applicare il regolamento edilizio sul decoro urbano?») e sulla strada vicinale di Razone, attualmente consorziale ma a tutti gli effetti di uso pubblico. L.SCA.