CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.09.2017

Il Prefetto «liquida» il Consiglio
Il Comune sarà commissariato

Il Municipio di Soiano: sciolto il Consiglio, il Comune è commissariato
Il Municipio di Soiano: sciolto il Consiglio, il Comune è commissariato

Ormai era questione di giorni, e quel giorno è inevitabilmente arrivato: da ieri sera il Consiglio comunale di Soiano è sospeso, in attesa che venga conclusa la procedura di scioglimento già avviata dal Prefetto di Brescia, Annunziato Vardè.

La guida temporanea del Comune è stata affidata al viceprefetto Salvatore Pasquariello, che potrebbe a questo punto traghettare il municipio fino alle prossime elezioni, forse già in primavera.

Eletta nel giugno del 2016, la giunta capitanata dal sindaco Giuseppe Previ è caduta dopo meno di 15 mesi. Da tempo la maggioranza aveva perso tre consiglieri (Mara Bonomelli, Marco Canziani e Sergio Maggi), e proprio per questo motivo non era riuscita ad approvare in tempo l’assestamento al bilancio.

MA A FAR SCATTARE lo scioglimento è stato altro: il Commissario ad acta Franca Di Rubbo, nominato due settimane fa dalla Prefettura proprio per approvare l’assestamento di bilancio che non era stato approvato, ha riscontrato invece una situazione di squilibrio finanziario, che ha imposto il commissariamento definitivo.

Il sindaco Previ, fino all’altro giorno, si era detto sicuro di avere i conti in ordine, tanto da lasciare aperto uno spiraglio per una possibile nuova maggioranza, invitando alle dimissioni (in una pubblica assemblea) almeno uno dei tre consiglieri ribelli.

Ma non è la rottura in maggioranza a far «cadere» Soiano, bensì qualcosa che non torna economicamente. Lo spiega proprio la Prefettura con una nota che non lascia adito ad alcuna diversa interpretazione: «Il provvedimento si è reso necessario dopo che il Commissario ad acta Franca Di Rubbo, nominato dal Prefetto il 28 agosto scorso, ha adottato con la deliberazione del 7 settembre specifiche misure per il ripristino degli equilibri di bilancio del Comune di Soiano, avendo riscontrato la sussistenza di una situazione di squilibrio finanziario».

Sul tema la Prefettura era stata chiara, specificando che la procedura di scioglimento del consiglio sarebbe potuta avvenire solo «qualora fosse stata accertata l’esistenza di squilibri finanziari». Così è. Tutti a casa.

Alessandro Gatta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1