Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 16 novembre 2018

Da «Potere al popolo» una bordata sulla Tav

«Potere al Popolo combatterà con tutte le sue forze e invita i cittadini a opporsi a quest’opera inutile e dannosa». Aspettando le mosse ufficiali del governo sulla Tav Brescia-Verona, il circolo del basso di Garda di «Pap» chiarisce la sua netta contrarietà al progetto ufficiale e non risparmia critiche al Comune di Lonato per avere accolto la richiesta di variante urbanistica finalizzata all’apertura dei cantieri. «Un 'tunnel' politico cieco e sordo alle vere priorità della comunità e del territorio - scrive Potere al Popolo -. Il Comune di Lonato, con una procedura d’urgenza, ha approvato la localizzazione del cantiere Tav sul territorio lonatese e precisamente nella zona cave di via Lavagnone, garantendo cosi la fetta di torta ai soliti noti. Ignorando i deboli segnali da parte del governo gialloverde indirizzati a rivedere l’analisi costi-benefici dell’opera, l’amministrazione lonatese favorisce un’accelerazione e soprattutto l’utilizzo della cava di prestito, già identificata come area da bonificare. Questo è solo l’inizio perché sul territorio di Lonato dovrà necessariamente insediarsi l'altro cantiere in frazione Campagna, che porterà ulteriori disagi alla popolazione e a un territorio già provato». •