CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.06.2018

I nonni in guerra: le lettere perdute ritornano a casa

Soldati italiani in trincea: tornano alle famiglie le lettere dal fronte
Soldati italiani in trincea: tornano alle famiglie le lettere dal fronte

I nostri antenati in trincea, tra grande storia e memorie di vita vissuta: venerdì sera alle 20,30 nella sede del Centro sportivo culturale di Sedena si terrà l’evento «Miei carissimi», promosso dal circolo della associazione nazionale del Fante e dalla Pro loco di Lonato. «L’idea è spiegare la Grande guerra vista dal basso. All’archivio di Stato di Brescia - spiega il presidente dei Fanti ed ex sindaco Morando Perini - sono custodite molte lettere di soldati bresciani caduti al fronte. Abbiamo raccolto la documentazione che riguarda i lonatesi e messa in formato elettronico. Ora intendiamo riconsegnare il tutto alle famiglie dei caduti poiché 100 anni fa questi effetti gli furono sottratti ed ora sono in molti casi il solo ricordo che quelle stesse famiglie possono avere del proprio congiunto caduto». In totale 50 i discendenti da ricercare. Circa la metà sono già stati individuati grazie a conoscenze dirette o col passaparola. La corrispondenza di guerra verrà presentata nella conferenza: alla voce di Chiara Bulgarini il compito di leggere alcune lettere, dai contenuti ricchi di umanità. Tutti i fondi raccolti saranno destinati alla manutenzione dei monumenti ai caduti di guerra presenti sul territorio di Lonato. •

R.DAR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1