Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 13 dicembre 2017

Il Comitato torna in trincea
contro la centrale a biogas

Uno dei cortei anti centrale (BATCH)

Tornano in trincea gli ambientalisti del Garda. Appuntamento domenica con una passeggiata ecologica, per ribadire il «no» alla centrale a biogas progettata dalla società Valli a pochi chilometri da Castelvenzago e dal Leone di Lonato.

«Alla fine di dicembre - ricorda il presidente del Comitato Campagnoli Alberto Pace - i comuni di Lonato, Desenzano e Castiglione avevano presentato un nuovo ricorso al Consiglio di Stato contestando il fatto che nell’ultima pronuncia, favorevole al via libera all’intervento, la Provincia non avrebbe riesaminato le questioni indicate nel primo pronunciamento del Consiglio. L’impianto in questi mesi poteva essere attivato e invece questo non è avvenuto. Ciò ci fa sperare positivamente, anche perché i tempi lunghi stanno comportando una riduzione dei contributi statali previsti per questo genere di impianti. La convenienza economica dell’operazione, insomma, si starebbe riducendo. Siamo in attesa di una sentenza definitiva».

Il programma della giornata prevede il ritrovo alle 9.30 sul sagrato della chiesa di Castelvenzago, la celebrazione della messa e alle 10.30 il via alla camminata sulle colline moreniche di Lonato e Castiglione. Alle 13 il pranzo con risotto e salaminata.

Quota di partecipazione 10 euro. Il ricavato andrà a sostegno del Comitato Campagnoli. Che da sempre contesta il progetto dell’impianto da 3 megawatt per produrre energia e calore che l’azienda vorrebbe realizzare nell’ambito dell’attività già in funzione da 17 anni. Impianto alimentato da fanghi di depurazione e rifiuti organici.R.DAR.