CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.11.2017

Il ricordo di don Serafino
scalda il cuore di Esenta

Sono passati esattamente trent’anni dall’ingresso del compianto don Serafino Ronchi nella parrocchia di Esenta. Era l’ottobre 1987 quando il sacerdote allora 50enne, in arrivo da Vighizzolo, muoveva i primi passi nella piccola che da allora fu legatissima al suo prete e ancora oggi lo ricorda con venerazione.

La sua fu una missione a fianco dei poveri, degli ultimi che, si non si è interrotta neanche con la sua scomparsa nel 2005. Il Grimm, «gruppo di impegno missionario nel mondo» da lui fondato, ha continuato il cammino.

Nessuna cerimonia ufficiale è stata però messa in cantiere dal parroco attuale don Franco, anche se non sono mancate le sollecitazioni di molti parrocchiani.

In mancanza di cerimonie pubbliche, ricordo migliore non poteva essere che affidare al web la lettera scritta da don Serafino 25 anni fa proprio alle famiglie di Esenta, in cui trasmetteva tutta la gioia dell’accoglienza. «Esenta è la campagna alla quale i contadini si fanno obbedienti, ed essa li ricompensa moltiplicando i suoi frutti. Esenta è la sua primavera e il suo inverno, con la nebbia che ti fascia e ti protegge come il ventre di una madre. Esenta - scriveva don Serafino con parole che sono un’eredità - è soprattutto la sua gente». R.DAR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1