CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.12.2017

«La classe è rimasta sconvolta ci sarà bisogno di uno psicologo»

Il funerale di Jonathan Furegon giovedì a Sirmione
Il funerale di Jonathan Furegon giovedì a Sirmione

All’indomani del funerale, nell’aula della quarta M del «Dandolo» di Lonato i compagni di classe di Jonathan Furegon, 18 anni, di Sirmione hanno creato accanto al banco vuoto un murale con l’albero della vita e una farfalla che se ne distacca per volare libera nel cielo. L’immagine del ragazzo schivo e chiuso, ma sempre attento e partecipe alle lezioni è ancora viva negli occhi e nel ricordo. Jonathan aveva un buon rendimento scolastico, era stimato dai docenti e dai compagni, che lo chiamavano il «professore» ed ascoltavano ammirati le citazioni che egli ogni tanto proponeva senza boria alcuna. I ragazzi sono sconvolti dal suicidio, dal gesto fatale sul quale stanno indagando i carabinieri. «Gli studenti sono rimasti molto colpiti dalla scomparsa di Jonathan - osserva il dirigente scolastico Giacomo Bersini -. Sarà necessario l’intervento di un esperto psicologo che segua la classe, che aiuti a capire se la scuola poteva fare qualcosa per evitare la tragedia». Il preside precisa di non aver mai avuto occasione di parlare con la mamma Mariluz. Il caso che la signora aveva segnalato non era mai stato affrontato in sede di consiglio d’istituto, essendo stato risolto all’interno del consiglio di classe. «La coordinatrice di classe aveva ripreso i ragazzi; la situazione era stata risolta e lo studente si stava aprendo. Soprattutto non c’è mai stata alcuna ipotesi di bullismo – aggiunge il dirigente -. Ogni settimana mi reco da Bargnano alla sede di Lonato, dove siamo alle prese con altri casi delicati di alunni in difficoltà, ma non sono mai stato chiamato ad occuparmi né di Jonathan né di bullismo. Purtroppo - conclude il preside Bersini - rimane il profondo dolore per non essere riusciti a cogliere il disagio di questo studente, bravo, ma molto chiuso, specialmente nell’ultima settimana, prima del gesto irreparabile». La scuola superiore che Jonathan frequentava è sede coordinata dell’Iis di Bargnano di Corzano e sorge a San Tomaso di Lonato in un ambiente che permette di concentrare attorno all’Istituto tutte le strutture ausiliarie per lo studio e lo svolgimento delle attività pratiche e professionalizzanti. A Lonato gli alunni possono frequentare il ciclo completo di cinque anni, che termina con gli esami di Stato per conseguire il diploma di maturità professionale nei servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. • R.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1