CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.09.2017

Maxi-hotel al Lido di Lonato:
dai primi scavi una sorpresa

L’area fra il lago e il Monte Corno sulla quale sorgerà il maxi hotel
L’area fra il lago e il Monte Corno sulla quale sorgerà il maxi hotel

Sono spuntate tracce di misteriose mura, presumibilmente antiche, ma il cui valore storico è ancora tutto da stabilire, nell’indagine archeologica promossa dalla Soprintendenza di Brescia al Lido di Lonato.

SONO SPUNTATE nell’area dove dovrebbe sorgere un nuovo complesso alberghiero di lusso con Spa, su un comparto è di 95.750 mq, per un investimento privato vicino ai 20 milioni di euro. Intervento controverso, perchè in zona paesaggisticamente sensibile: tra il lago, il Monte Corno e il «canocchiale» panoramico della millenaria Abbazia di Maguzzano. Respinte tutte le obiezioni, restava l’incognita archeologica. Che si è (forse) manifestata adesso.

Ricordiamo che con l’ultima conferenza dei servizi, a ottobre 2016, la Soprintendenza dava un parere favorevole di massima, «esclusivamente sotto l’aspetto della tutela paesaggistica», con l’aggiunta di prescrizioni «al fine di un migliore inserimento nel contesto tutelato».

Per quanto concerne invece il profilo archeologico, «in quanto il Comune di Lonato è interessato da numerosi e consistenti ritrovamenti archeologici», venivano richiesti accertamenti preventivi. «Ciò al fine - si legge nella relazione - di prevenire modifiche progettuali di rilievo, conseguenti a ritrovamenti fortuiti ad opere già iniziate». A tutela insomma degli stessi costruttori.

GLI SCAVI diretti dall’Ufficio della Soprintendenza ed effettuati da una ditta specializzata sono stati eseguiti nelle scorse settimane. Proprio da questi scavi è emerso una traccia di laterizi che potrebbe sembrare un muro antico.

«Siamo in attesa della relazione della Soprintendenza - spiega l’assessore ai lavori pubblici, Oscar Papa - ma dalle prime informazioni sembrerebbe che i resti del muro non abbiano particolare interesse. In ogni caso il progetto prima di essere definitivamente approvato deve passare dal Consiglio comunale».

Va anche precisato che i resti del muro non sono collocati nella parte di area interessata ad edificazione, che prevede circa 10 mila metri quadrati di superficie lorda di pavimento su un comparto di 95 mila metri quadrati totali.

Roberto Darra
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1