Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
domenica, 22 ottobre 2017

Spunta un’offerta
per la casa di riposo
chiusa da un anno

I lavoratori in presidio della casa Le Farfalle, chiusa da più di un anno (BATCH)

Offerta valida, ma «con riserva»: sono concessi altri 10 giorni di tempo ai proponenti per presentare la documentazione mancante

Questo l’esito dell’analisi dell’unica offerta presentata (dalla cooperativa La Rondine) per la gestione della casa di riposo di Manerba, l’ex casa albergo «Le Farfalle», che è chiusa ormai da un anno e cinque mesi.

Cauto ottimismo da parte dell’amministrazione comunale su un esito felice della disavventura: l’obiettivo dichiarato, ribadito più volte dal sindaco Isidoro Bertini, è quello di riaprire la casa di riposo entro l’estate.

Una sola offerta, dunque per il bando di gestione: tutto regolare, anche se all’appello manca una fidejussione. Ecco perché la commissione giudicatrice ha dato 10 giorni a «La Rondine» per sopperire alla mancanza.

Il bando prevede un contratto di locazione di 18 anni (con la possibilità per il Comune di recedere a metà percorso) per un investimento complessivo di un milione e 170mila euro, canone annuo di 65mila euro, poco più di 5400 al mese. La struttura è chiusa da tempo: inevitabili interventi di sistemazione.

Non si è mai fermato invece il presidio dei lavoratori: continua ormai da 455 giorni, dal giorno della chiusura. Erano 16 persone, oggi sono la metà: da più di 130 giorni non hanno più nemmeno la Naspi, l’indennità di disoccupazione.