Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

Tre offerte per le «Farfalle»
dopo 500 giorni di chiusura

Il sindaco Isidoro Bertini (BATCH)

Con il fiato sospeso ancora per una decina di giorni: questo quanto si dovrà aspettare per conoscere il destino dell’ex casa albergo Le Farfalle di Manerba, la struttura di accoglienza per anziani chiusa ormai da più di 500 giorni.

Il bando per il futuro affidamento si è chiuso venerdì scorso, ieri mattina a mezzogiorno sono state aperte le buste: tre le offerte ricevute dal Comune, una di queste è risultata «formalmente corretta» in tutte le sue parti, per le altre due si è resa necessaria una «integrazione tecnica» con cui completare la documentazione presentata.

La commissione ha così deciso di dare altri 10 giorni di tempo alle due cooperative al momento rimaste in gara solo per metà: il termine è stato fissato per venerdì 14 luglio.

Cauto ottimismo da parte dell’amministrazione comunale: «Siamo convinti possa essere la volta buona - spiega il sindaco Isidoro Bertini - perché comunque tutte e tre le offerte sembrano rispettare i requisiti».

Sarebbe davvero la fine di un’odissea: in questi giorni proseguono i lavori di manutenzione dello stabile (investimento di circa 80 mila euro), poi seguirà l’assegnazione (provvisoria) per 45 giorni, al termine dei quali l’ex casa albergo potrebbe riaprire.

«Se tutto va bene potrebbe riaprire entro la fine dell’estate», conclude Bertini. Non ci sono indiscrezioni sulle offerte economiche: la base d’asta era stata fissata in 1,170 milioni di euro per nove anni, poco più di 10.800 al mese, con opzione di rinnovo per altri nove. A.GAT.