Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 23 settembre 2018

Ultimo viaggio per Merigo
Dopo l’autopsia il funerale

Luciano Merigo: domani l’addio (BATCH)

Se non ci saranno intoppi burocratici legati alla conclusione degli accertamenti medico-legali, saranno celebrati domani pomeriggio i funerali di Luciano Merigo, il pensionato di 89 anni, morto domenica dopo due giorni di agonia per i postumi delle ferite riportate in un investimento avvenuto in via Trevisago a Manerba, a pochi passi dall’abitazione.

Come ampiamente riportato nell’edizione di Bresciaoggi di ieri, l’anziano stava attraversando la strada sulle strisce pedonali quando è stato investito da un’Apercar condotto da un 80enne del paese.

Il nesso fra il decesso e le ferite riportate nell’impatto con il mezzo a tre ruote sarà stabilito con certezza dall’esito dell’autopsia che si è svolta questa mattina.

Tutto il paese si è unito in queste ore al lutto della famiglia: Merigo è stato agricoltore per una vita, specialista in vitigni, oltre che storico bottegaio. I genitori prima, e la moglie Erminia poi (morta circa un anno fa), hanno gestito per decenni il negozio di via dei Colli, al Crociale, aperto addirittura nel 1926 e da qualche anno passato al figlio Antonio. Luciano Merigo lascia anche due figlie, Odetta e Patrizia.

L’anziano agricoltore aveva una fibra fortissima: nonostante i gravi traumi era rimasto sempre cosciente durante i soccorsi.

Trasferito all’ospedale di Desenzano, anche a causa di un polmone perforato dalle costole, le condizioni del pensionato sono progressivamente peggiorate fino al decesso che ha profondamente colpito la comunità di Manerba. A.GAT.