Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

Ultimo viaggio per Merigo
Dopo l’autopsia il funerale

Luciano Merigo: domani l’addio (BATCH)

Se non ci saranno intoppi burocratici legati alla conclusione degli accertamenti medico-legali, saranno celebrati domani pomeriggio i funerali di Luciano Merigo, il pensionato di 89 anni, morto domenica dopo due giorni di agonia per i postumi delle ferite riportate in un investimento avvenuto in via Trevisago a Manerba, a pochi passi dall’abitazione.

Come ampiamente riportato nell’edizione di Bresciaoggi di ieri, l’anziano stava attraversando la strada sulle strisce pedonali quando è stato investito da un’Apercar condotto da un 80enne del paese.

Il nesso fra il decesso e le ferite riportate nell’impatto con il mezzo a tre ruote sarà stabilito con certezza dall’esito dell’autopsia che si è svolta questa mattina.

Tutto il paese si è unito in queste ore al lutto della famiglia: Merigo è stato agricoltore per una vita, specialista in vitigni, oltre che storico bottegaio. I genitori prima, e la moglie Erminia poi (morta circa un anno fa), hanno gestito per decenni il negozio di via dei Colli, al Crociale, aperto addirittura nel 1926 e da qualche anno passato al figlio Antonio. Luciano Merigo lascia anche due figlie, Odetta e Patrizia.

L’anziano agricoltore aveva una fibra fortissima: nonostante i gravi traumi era rimasto sempre cosciente durante i soccorsi.

Trasferito all’ospedale di Desenzano, anche a causa di un polmone perforato dalle costole, le condizioni del pensionato sono progressivamente peggiorate fino al decesso che ha profondamente colpito la comunità di Manerba. A.GAT.