Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Con il nuovo marciapiede strade a misura di pedoni

L’accesso a Barbarano da Salò: dopo l’estate il nuovo marciapiede

Un marciapiede lungo 850 metri unirà Salò alla frazione di Barbarano. Costerà 270 mila euro, e verrà costruito al termine dell’estate. L’attuale è in gravi condizioni di degrado, oltre a essere, in alcuni punti, molto stretto e pericoloso. IL PRIMO TRATTO, di circa 270 metri, a partire da via Cure del Lino (la strada si chiama così non per ricordare il nome di una persona, ma per il fatto che sui prati di fronte al lago venivano essiccati i fiori di lino), è interessato da un allargamento, allo scopo di recuperare una sezione minima di 120 centimetri, che consenta un utilizzo in sicurezza. Il secondo pezzo, esteso per 150 metri, è caratterizzato dalle modifiche dell’intersezione tra viale Landi e la 45 bis, con recupero degli spazi corrispondenti alla corsia centrale di svolta, non più in uso, con conseguente allargamento del marciapiede. L’ultimo tratto, di 430 metri, è caratterizzato da una geometria che, fatta eccezione per la porzione antistante palazzo Terzi Martinengo, rispetta la dimensione di 150 centimetri. Alla fine, verso il distributore, assume una conformazione con larghezza non inferiore ai 2 metri. Per quanto riguarda la scelta dei materiali, si è tenuto conto sia dei caratteri paesaggistici che delle proprietà. Verranno quindi utilizzati cordoli in rosso Verona, e, per la pavimentazione, blocchetti di porfido. IL PROGETTO, firmato dall’ingegner Antonino Mario Alesci di Sarezzo, lo stesso che anni fa aveva redatto il piano della viabilità, è stato approvato in questi giorni dalla giunta comunale. L’intervento, definito «strategico», sarà finanziato con mezzi propri, già appostati nel bilancio 2018. © RIPRODUZIONE RISERVATA