CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.12.2017

Cunettone avrà la sua forneria

I giovani fornai Marco Berardinelli e Paolo Zambardi
I giovani fornai Marco Berardinelli e Paolo Zambardi

Sergio Zanca Un nuovo forno a Cunettone di Salò. La notizia, a prima vista poco significativa, assume invece un carattere rilevante. Perché da anni ormai spuntano come funghi negozi di abbigliamento e di articoli sportivi, di elettronica e di scarpe, mentre il proliferare dei supermercati e dei centri commerciali ha mandato in pensione le piccole rivendite di vicinato che vendono generi alimentari e che un tempo facevano rete all’interno della comunità. Le botteghe del pane, dei salumi, della frutta e della verdura vengono irrimediabilmente chiuse, e ogni tanto si assiste a qualche timido tentativo di riapertura, con in cabina di regia, spesso e volentieri, giovani con voglia di fare e di rischiare. L’OPERAZIONE attuata dalla Pandivia srl ha riguardato la realizzazione di un impianto produttivo nella frazione di Cunettone. Oltre alla vendita diretta del pane, il negozio avrà uno spazio per la pasticceria e il bar. Nove le persone occupate: quattro soci, guidati da Marco Berardinelli e Paolo Zambarda, e cinque dipendenti. Oggi pomeriggio, alle ore 17, l’inaugurazione ufficiale con una festa e un momento conviviale. Domani mattina invece l’apertura. Data scelta: il 13 dell’anno 2017, alla faccia della scaramanzia e nella speranza che porti fortuna. L’EDIFICIO, un piano fuori terra e uno interrato, ha una superficie lorda di pavimento 222 metri quadrati, e una volumetria di 600 metri cubi. Gli oneri di urbanizzazione e il contributo aggiuntivo, per un totale di 51 mila euro, sono stati scomputati in cambio dell’individuazione di parcheggi (pubblici) esterni. I privati hanno quindi pagato solo il costo necessario per gli interventi edili e la costruzione. Dopo avere ottenuto il semaforo verde dalla conferenza dei servizi, che ha esaminato i vari aspetti del piano presentato (geologici, viabilistici, sanitari, paesaggistici e archeologici), il progetto è stato approvato all’unanimità nell’ottobre del 2016. Su suggerimento del consigliere comunale Stefano Zane, il sindaco di Salò Giampiero Cipani ha fatto inserire nella convenzione l’obbligo (per la srl) di tenere pulite le aiuole esterne, in modo da garantire il necessario decoro a tutta l’area. Ora non resta che aprire le serrande e sfornare le prime pagnotte. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1