CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.05.2018

Lungolago senza ciclisti In bicicletta solo residenti e clienti degli alberghi

In bicicletta sul lungolago: a Salò è scattata l’ordinanza restrittiva
In bicicletta sul lungolago: a Salò è scattata l’ordinanza restrittiva

Dopo l’effetto annuncio e le discussioni che ha innescato nei giorni scorsi, il comandante della Polizia locale di Salò, Stefano Traverso, ha firmato l’ordinanza che proibisce il transito delle bici nel centro storico e sul lungolago. Il provvedimento entrerà in vigore sabato 19 maggio, ma non vale né per i residenti né per gli ospiti delle strutture ricettive situate nella zona «calda» di divieto. NEI QUATTRO MESI estivi, dal 1 giugno al 30 settembre, il divieto è assoluto, per tutti i giorni della settimana; nel restante periodo di tempo, invece, riguarderà solo il sabato, la domenica e i festivi. Queste le regole, che hanno fatto discutere ma che contengono degli elementi di «mitigazione» in favore dei residenti e turisti. IL SINDACO Giampiero Cipani e gli amministratori locali hanno spiegato di voler risolvere, con questa decisione, il problema della sicurezza dei pedoni, che passeggiano tranquillamente (alcuni spingendo le carrozzine dei bambini, mentre altri accompagnano disabili o anziani), e spesso vedono sfrecciare ciclisti in tenuta da corsa, manco partecipassero al giro d’Italia. Prevenire gli eccessi, insomma. Finora era obbligatorio camminare a piedi, conducendo la bici a mano, soltanto sul lato in marmo del lungolago (consentito, invece, il transito sui cubetti in porfido) e sul tratto che va dal ponte-Viganò al cimitero. Qualcuno rispettava il divieto, la gran parte no, provocando anche danni ai listelli in legno. Poche le multe arrivate dai vigili urbani. L’ORDINANZA appena firmata fa riferimento a «numerose segnalazioni e giustificate lamentele da parte della cittadinanza sul transito irregolare e smodato, a velocità inadeguate da parte dei ciclisti, che, specie nel periodo estivo, da molte aree limitrofe al territorio comunale pervengono sul lungolago (area pedonale, a transito limitato) e nelle vie adiacenti. In particolare da piazza Vittorio Emanuele (la Fossa) sino al Carmine, sia sul lungolago che nelle strade interne, in spregio anche ai sensi di marcia imposti dalla segnaletica». Saranno quindi off limits: l’intero lungolago (dal parcheggio Baden Powell sino al piazzale Mulino), piazza Vittoria, le vie Cavour, piazza Cavour, San Carlo, Butturini, Teatro Vecchio, Napoleone, piazza Zanardelli, piazza Zanelli, salita Santa Giustina, i vicoli che intersecano le predette strade, via e piazza Duomo. Uniche deroghe: i residenti a Salò, i turisti ospiti in strutture ricettive poste all’interno dell’area proibita, i velocipedi per servizi di pubblica utilità (messi comunali, nettezza urbana eccetera) Consentito, invece, il passaggio in tutte le altre aree: alle Rive, in via Garibaldi, Gasparo, Brunati, viale Landi, e così sia.

SE.ZA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1