Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 17 agosto 2018

Posti barca, corsa al giro di boa

La sede dell’ex Demanio a Salò (BATCH)

Ultimate nella sede di Salò dell'Autorità di Bacino le operazioni di assegnazione di 900 posti barca in 14 porti pubblici del Garda bresciano e del lago di Idro, riguardanti Limone, Gargnano, Manerba, Moniga, Padenghe e Desenzano (412 i privati rimasti esclusi e inseriti nelle liste di attesa sperand in eventuali rinunce), adesso tocca ai campi boe antistanti le spiagge. A Manerba possono trovare spazio 453 imbarcazioni, così suddivise: 55 in località Silvella, 65 alla Romantica, 72 Florida, 40 Rolli, 57 Porto Torchio, 36 Belvedere, 32 San Biagio, 8 Dusano, 27 Zocco, 30 Seselle, 13 punta San Sivino. Durata dell’assegnazione: tre anni, fino al 31 dicembre 2020, prorogabile fino a un massimo di sei anni. LE DOMANDE vanno presentate dal 22 febbraio al 9 marzo a mano o con raccomandata, compilate su apposito modulo, indicando le caratteristiche dell’unità di navigazione (nome, cantiere costruttore, materiale, dimensioni, pescaggio, se a remi, vela o motore), e fino a un massimo di tre campi boa preferiti. Possono essere inviate sia dai privati (italiani o stranieri) che da rimessaggi nautici, campeggi e villaggi turistici, che hanno una riserva di posti. Nel caso in cui le domande siano in numero maggiore rispetto alla disponibilità, il 27 marzo sarà effettuato il sorteggio. Nei giorni scorsi i funzionari dell’Autorità di bacino hanno distribuito gli spazi dei campi boe di San Felice. Su 108 posti disponibili, nelle località Moss, porto, Gardiola e Silvella, ne sono stati assegnati 86 (22 quelli che, al momento, restano liberi). Per quanto riguarda gli ormeggi all’interno dei porti, il boom di domande è stato notevole. Solo a Limone, con 47 richieste su 50 spazi, non si è raggiunto il massimo. Più di 400, come detto, gli esclusi. Sono tanti gli scafi che hanno bisogno di un «parcheggio». Molti proprietari pagano i cantieri, per custodirli nei capannoni. Altri, invece, cercano di accaparrarsi qualche metro quadro in acqua. Se poi si riesce a essere riparati all’interno di un molo, tanto meglio. Senza trascurare il fatto che nei porti pubblici si sborsa un canone inferiore: in alcuni casi si parla della metà, in altri di cinque volte rispetto a quelli privati. Inoltre le assegnazioni avranno una lunga durata: 9 anni, fino al 31 dicembre 2026. • SE.ZA.