CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.01.2018

Un Palazzo della cultura nel vecchio Tribunale: scatta la seconda tranche

L’ex Tribunale di Salò: diventerà il «Palazzo della cultura»
L’ex Tribunale di Salò: diventerà il «Palazzo della cultura»

È stata un’impresa siciliana, la Crf costruzioni di Paternò, in provincia di Catania, ad aggiudicarsi i lavori del secondo lotto dell’ex Palazzo di giustizia di Salò, che verrà trasformato in un moderno Palazzo della cultura, in grado di ospitare la biblioteca, il Centro studi sulla Repubblica sociale italiana, l’Ateneo, il Nastro azzurro e i diversi archivi (Storico comunale, Magnifica patria, Ospedale, Opere pie). Dovrebbero arrivare anche i libri custoditi a Barbarano dalla Fondazione Bravi. UNA PRIMA TRANCHE dei lavori, riguardante le opere edili e la messa a norma dei vari impianti (elettrico e idrico) è stata eseguita dalla Pavoni di Vobarno, per conto della Silmar di Pier Andreino Nibali. Adesso, con un’offerta di 145 mila euro, la Crf di Paternò ha vinto l’appalto relativo agli allestimenti, concedendo un ribasso del 30% sulla base d’asta, che era di 209 mila: «Dopo le feste parleremo con i dirigenti dell’impresa - ha spiegato il sindaco Gian Piero Cipani -. Vorremmo che i lavori fossero eseguiti entro maggio». Rimane il discorso dell’acquisto degli arredi: «Abbiamo chiesto un contributo di 200 mila euro alla Fondazione Civiltà bresciana e alla Cariplo. Speriamo di avere risposte positive. Alla fine l’intervento costerà complessivamente più di 800 mila euro», ha concluso Cipani. IL POLO DELLA CULTURA sarà a un ambiente polifunzionale, capace di andare incontro ai diversi tipi di utenza. Quindi: ufficio, banco prestiti, zona multimediale con accesso a internet, emeroteca, libri in consultazione. La cooperativa Zeroventi ha ultimato uno studio chiamato «profilo di comunità», fotografando la realtà locale, e individuando le varie necessità. Il giardino, accessibile autonomamente, costituirà una piazza all’aperto dedicata al gioco. Nell’interrato verranno allestite sale prove per i gruppi musicali, formati da giovani che qui troveranno un luogo a loro riservato. Previsto anche un auditorium da 63 posti a sedere, con la possibilità di aumentare la capienza fino a 157, grazie a una parete mobile. SERGIO ZANCA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1