Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 22 settembre 2018

Un ultimo saluto alla vecchia «Fossa»

La Fossa com’è adesso: il chiosco sarà rimosso definitivamente (BATCH)

«Requiem per la Fossa» è la manifestazione che si svolgerà domani pomeriggio dalle 14, nella centralissima piazza Vittorio Emanuele di Salò, conosciuta come «la Fossa».

I lavori per il rifacimento della piazza stanno per iniziare (verranno eseguiti dalla srl Ferrise di San Giovanni in Fiore, provincia di Cosenza, che col ribasso del 18,84% ha battuto altre 188 aziende alla gara di appalto), ma il dibattito non accenna a spegnersi.

I più avrebbero voluto un restyling semplice, che non incidesse profondamente. Invece il progetto prevede l’eliminazione di una delle due corsie di transito dei veicoli, lasciando solo quella dinanzi al complesso Gasparo. Degli attuali 40 posti auto ne rimarrà una dozzina. I due filari di ippocastani non saranno comunque abbattuti. Verranno ampliati i plateatici dei locali, ma l’edicola sarà spostata in piazza Leonardo da Vinci e il chiosco, invece, eliminato. Le moto parcheggeranno in piazza Bresciani, davanti all’ospedale.

L’intervento, del costo complessivo di un milione e 250 mila euro, verrà eseguito in due tempi: il primo nel periodo tra ottobre e la primavera, il resto fra un anno.

Sabato pomeriggio, all’insegna del motto «Call to art», un gruppo di pittori ritrarrà alcuni scorci della Fossa, e i fotografi riprenderanno gli angoli più suggestivi. Parteciperà anche l’eclettico Franco Liloni, che su Telecolor tiene la trasmissione «Rebelot, dialetto e dintorni».SE.ZA.