CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.11.2017

All’avventura
sui sentieri
del bandito
Zanzanù

Il fascino è quello di una storia lontana, oscura, a suo modo eroica, che continua a suscitare curiosità anche dopo quattro secoli: proseguono in alto Garda le celebrazioni del bandito gargnanese Giovanni Beatrice detto Zanzanù a 400 anni dalla sua uccisione avvenuta sui monti di Tignale il 17 agosto 1617.

La Comunità montana parco in collaborazione con la cooperativa «La Melagrana» e l’associazione Animus Brixiae, organizza un ciclo di visite guidate con animazioni teatrali di figuranti in costume d’epoca, nei luoghi che fecero la storia del leggendario fuorilegge. Domenica pomeriggio alle 15.30 saranno ripercorse le sanguinose vicende della faida familiare con i Riccobon di Toscolano: punto di ritrovo alla chiesa di Sant’Andrea a Maderno.

La partecipazione e sempre libera e gratuita. Nelle settimane successive sono previste visite al paese natio di Gargnano (domenica 26 novembre) partendo dalla chiesa di San Francesco, a Tremosine (sabato 2 dicembre) con ritrovo alla chiesa di San Giovanni Battista alla Pieve, terminando domenica 10 dicembre al Duomo di Salò, tra mito e storia nella capitale della Riviera. Tutte le visite inizieranno sempre nel pomeriggio alle 15.30. L.SCA.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1