Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 13 dicembre 2017

Centrodestra unito, Toscolano sa come si fa

Matteo Salvini: sarà a Toscolano (BATCH)

A Toscolano Maderno si aprirà venerdì la lunga campagna elettorale per le prossime elezioni comunali, attese per la primavera del 2018. A rompere il ghiaccio è la sezione locale del Carroccio, organizzando per la prima volta sul Garda la festa nazionale della Lega Nord, in cartellone da venerdì a domenica al Pattinodromo.

«Sarà l’occasione - spiega il segretario della sezione leghista di Toscolano Maderno, Alessandro Delai - per presentare il programma elettorale e buona parte della nostra squadra, che proverà a riconquistare il Comune in primavera. Siamo già a buon punto con i nomi, e per i programmi ci stanno aiutando tante persone senza una “storia“ politica alle spalle, ma rappresentative in paese in vari campi come turismo, territorio e commercio».

LA FESTA NAZIONALE della Lega, negli auspici di Delai, potrebbe fornire anche l’opportunità di sottoscrivere l’accordo politico per riunire il centrodestra, che nel 2013 corse diviso e uscì sconfitto.

La tre giorni del Carroccio inizierà ogni sera alle 19.30 con l’apertura della cucina, accompagnata da rappresentanti politici di prima fascia, raggiungendo il «clou» domenica sera alle 21 con l’arrivo di Matteo Salvini.

Venerdì salirà sul palco il vice segretario federale Giancarlo Giorgetti, sabato il segretario Paolo Grimoldi, lo storico dirigente Roberto Castelli e l’assessore regionale Simona Bordonali.

DOMENICA le conclusioni saranno affidate al segretario federale Matteo Salvini, affiancato dal parlamentare Stefano Borghesi e da Viviana Beccalossi, assessore regionale al territorio di Fdi.

«Non è un caso l’arrivo della Beccalossi a Toscolano Maderno - anticipa Alessandro Delai -: l’idea è di presentare nella prossima primavera il centrodestra unito e compatto, per evitare l’errore della scorsa volta».

Per il candidato sindaco nessuna pregiudiziale: «Certo - sostiene Delai - ci piacerebbe uscisse dai nostri nomi, ma se la figura è rappresentativa e autorevole anche tra le fila di Forza Italia o Fratelli d’Italia, nessun problema: l’importante è far cambiare marcia a un paese fermo ai box da anni».