Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 18 luglio 2018

Il borgo di Gaino si veste
da «Albero degli zoccoli»

Costumi tradizionali e oggetti d’epoca per la «scenografia» di Gaino (BATCH)

Può un intero paese catapultarsi indietro nel tempo proponendo ai suoi visitatori i mestieri, le usanze e i sapori di una volta? Accade stasera e domani a Gaino, borgo collinare di Toscolano Maderno con «Du pass a Gaì», l’evento organizzato da Stars Association e il gruppo «Amici de Gaì» per offrire uno spaccato della vita dei tempi passati.

Uno scenario da «L’albero degli zoccoli», lo struggente e pluripremiato film di Ermanno, Olimi che raccontava la perduta civiltà contadina di un secolo fa: anche qui sono rappresentate con maestria quelle atmosfere, con gli abitanti in costume d’epoca tra i vicoli, le strade e gli scantinati, raccontando nella stessa maniera di fame, polenta, latte e vite agre.

Proprio questa sera dalle 20 alle 23 è allestito il percorso culturale con scene di vita reale, vestiti, oggetti tradizionali, arredi, mestieri, documenti in esposizione, fotografie. Tutto andrà in replica anche domani dalle 19 alle 23 con i piatti e le pietanze rigorosamente proveniente da ricette contadine preparate dall’osteria Cantagai.

In caso di maltempo la serata di sabato è rimandata a domenica. L.SCA.