Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

Valle delle cartiere blindata Niente auto fino ad ottobre

La strada di accesso alla Valle

Prorogato fino al 30 settembre il divieto di transito veicolare, in vigore ormai dall’ultimo weekend di aprile, sulla strada bianca di via Valle delle Cartiere, nelle giornate di sabato, domenica e festivi. Una misura attuata dopo la segnalazione dei residenti e gli autorizzati al transito, sulla problematica del passaggio di auto e pedoni durante i fine settimana. Per tutta la seconda parte dell’estate quindi, i visitatori potranno salire nelle giornate di sabato, domenica e festivi in Valle dalle 8 del mattino alle 19 soltanto a piedi, in bici o con il trenino «Orient Express» che assicura i collegamenti tra il lungolago di Maderno e il museo della carta. Entrare nella Valle delle Cartiere, importante centro di produzione cartaria dal Medioevo al Novecento e oggi sito di archeologia industriale tra i più rilevanti d’Italia, è un’esperienza unica e per certi versi inaspettata. Ci si arriva grazie a un’unica strada realizzata nell’Ottocento, che si imbocca lasciando la Gardesana subito dopo il ponte sul torrente Toscolano, nei pressi del municipio. E dopo aver attraversato alcune gallerie scavate nella roccia, ci si addentra in uno scenario suggestivo e ricco di fascino, dove la natura lussureggiante, i resti delle antiche cartiere e l’acqua del torrente proiettano il visitatore in un mondo fatato. La strada è purtroppo di limitata larghezza tanto da non consentire il transito contemporaneo dei veicoli nei due sensi di marcia se non in alcuni slarghi. E ovviamente non è provvista di marciapiede. •