CHIUDI
CHIUDI

02.12.2018

Villa Serraglio, ultimatum al degrado

In alto villa Serraglio: in degrado
In alto villa Serraglio: in degrado

Ha senso mantenere il parco e la villa del Serraglio a Toscolano Maderno in queste condizioni? La domanda giunge in Consiglio comunale, dove è andato ai voti il piano delle valorizzazioni immobiliari. Opposizioni all’attacco: «In passato si era parlato di “Serraglio ritrovato” dopo la sistemazione del Parco da parte di qualche associazione, ma la situazione adesso è vergognosa - afferma Alessio Campanardi del “Centro destra Toscolano Maderno” -: piante crollate, la villa fatiscente e rovinato dai vandali, depredato anche nelle aree esterne. Sento che si vuole tenere, ma forse sarebbe meglio vendere piuttosto che tenerlo così. Non ha senso, è uno sfregio per il paese. Intendiamoci – conclude - non siamo favorevoli alla vendita, ma in questo stato forse è il caso di fare altri ragionamenti». Costruito nel XVII secolo dai Padri Serviti di San Pietro Martire di Maderno, il Serraglio divenne il casino di caccia dei Gonzaga. Nel primo dopoguerra fu albergo di moda, abitazione privata e fu anche presa in considerazione da D’Annunzio prima della scelta di Villa Cargnacco per il suo «Vittoriale». Negli anni ’70 fu ceduta al Comune. Abbandonata poi a se stessa, la villa è entrata nel mirino di ladri e vandali, che hanno rubato o danneggiato gli arredi rimasti. «Tutto è ormai pericoloso, dalla villa al parco – sottolinea il consigliere Giuliano Capuccini -. Sarebbe meglio l’alienazione, utilizzando poi le risorse altrove». «Il problema della sistemazione del parco e della villa è importante ma non nasce oggi - ha replicato replica del vice sindaco Andrea Andreoli -. Sarebbe il momento di trovare una soluzione, possibilmente coinvolgendo dei privati, magari rendendo fruibile il parco come una sorta di giardino botanico. Impensabile di questi tempi sistemarla con risorse pubbliche. Nell’immediato si valuterà la messa in sicurezza». •

L.SCA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1