Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 22 giugno 2018

Tutta colpa della rottura dei palloni

I PALLONI DELLA SPERANZA. Sono 15 i galleggianti, riempiti con 27 mila litri d’aria complessivi, che avevano permesso di riportare a pelo d’acqua la chiatta prima della sua definitiva riemersione in superficie.UNA PRIGIONE D’ACQUA. La doppia rottura dei dispositivi di galleggiamento, uno tagliato dalle lamiere e uno scoppiato dopo la sostituzione, ha impedito di portare il barcone in assetto per la sua riemersione. (BATCH)

L’altroieri un gran lavoro preparatorio, con i sommozzatori che avevano agganciato il relitto da una profondità di 23 metri per portarlo a pelo d’acqua e avvicinarlo alla riva. Ieri doveva completarsi la riemersione, ma qualcosa è andato maledettamente storto, con non una ma ben due rotture dei dispositivi di galleggiamento a causa di banali ma imprevedibili incidenti. Tutto da rifare: oggi l’ennesimo tentativo, con la stessa tecnica di recupero (i palloni pieni d’aria) ma si spera con miglior fortuna.