Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
domenica, 17 dicembre 2017

Uno «spiaggione» da 5 milioni
fra Desenzanino e Feltrinelli

L’assemblea pubblica sul lungolago a palazzo Todeschini (BATCH)

Il popolo ha parlato, per così dire: perlomeno lo ha fatto chi c’era a Palazzo Todeschini. Il nodo gordiano della riqualificazione del lungolago di Desenzano continua ad essere la spiaggia Feltrinelli: bene che sia riqualificata, ma non sia mai che venga ridotta. Anzi, la storica spiaggetta dovrebbe essere ampliata e addirittura collegata al lido del Desenzanino, ampliato a sua volta.

QUESTO QUANTO emerso nella prima assemblea pubblica aperta ai cittadini e organizzata dal Comune, appunto dedicata al progetto di riqualificazione del lungolago: è la seconda sulla tabella di marcia (la settimana scorsa l’incontro riservato a commercianti, albergatori e operatori) e la penultima in programma (settimana prossima sarà la volta di tecnici, ingegneri e architetti).

Una volta concluso il trittico, l’amministrazione e i progettisti (lo studio Visconti, al lavoro sulla riqualificazione del lungolago ormai dal 2007) si riuniranno per fare il punto, per vagliare i suggerimenti (il sindaco fa sapere che anche per quelli bocciati verrà comunque data motivazione) e in caso modificare il progetto in discussione, quello approvato pochi mesi dalla giunta Leso, per poi ripresentarlo agli enti preposti e infine illustrarlo di nuovo alla cittadinanza, con un’altra assemblea.

«Tutto è possibile - ha detto Guido Malinverno, sollecitato sulla questione - non ci poniamo limiti, l’importante è che non si spendano più di 5 milioni di euro». Tutto si potrebbe fare allora, perfino accogliere l’ipotesi di creare una sola e grande spiaggia, che dal Desenzanino arrivi alla Feltrinelli. Questo ha suggerito per primo Giorgio Fezzardi, ipotesi che secondo lui fornirebbe «un servizio notevole a cittadini e turisti», applaudita da Giuseppe Milini e Paolo Coita ( «Non serve tirar via le spiagge, bisogna metterle») e che è piaciuta anche a Margherita Torelli, che da 20 anni gestisce la Feltrinelli e che ha invece definito un sogno il poter ricongiungere le due spiagge.

Tanti i volti conosciuti che hanno poi preso parola: Giuseppe Tosi, gestore del Desenzanino dal 1997, Margo Sortani del bar Bosio (che ha parlato di terme), Alessandro Pennaccini da sempre al lavoro sul battello-spazzino (e che il lago lo conosce bene), Paolo Zanollo del Comitato Ambiente e Territorio che invece è entrato a gamba tesa sul problema degli scarichi.

Anche se «forestiero», ha suscitato interesse l’intervento di Mario Trecco (che abita a Desenzano da 3 anni) sul tema parcheggi e viabilità. Finita l’assemblea, non è ancora finita: il prossimo 9 ottobre, lunedì, il sindaco e l’architetto Alberto Visconti incontreranno i tecnici.