Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 13 dicembre 2017

Borgosatollo, una festa alpina E anche per due secoli di lavoro

Borgosatollo: un vecchio diploma assegnato alla forneria

Le celebrazioni per gli 80 anni del gruppo alpini di casa hanno fatto da sfondo a un altro compleanno eccellente per Borgosatollo. In questi giorni tiene in effetti banco un'altra ricorrenza, in questo caso commerciale e artigianale, ma che ha comunque un legame diretto con le penne nere e con la nascita della sezione Ana.
Parliamo dei duecento anni di vita della forneria Belli, una autentica istituzione da queste parti. A raccontare la lunga tradizione di famiglia nella panificazione è oggi l'erede dell'attività commerciale, Cesare Belli, il quale dal suo storico negozio di via Roma ripercorre i passi dell'impresa.
«Tutto è iniziato a Brescia, nelle vicinanze di viale Venezia - esordisce -; poi l'attività è stata trasferita a Borgosatollo per motivi familiari». Il marchio del buon pane è stato riconosciuto dal primo momento ai Belli, con premi e onorificenze conferite a Luigi attorno alla metà degli anni Venti del Novecento. «Allora i criteri erano diversi - continua il nipote Cesare -: si producevano solo tre tipi di pane puntando quasi esclusivamente sulla quantità. Ora l'imperativo, invece, è la qualità».
Poco prima della metà del secolo scorso l'attività, tramandata di padre in figlio, è finita sotto la direzione di Claudio Belli. Ma qual'è il collegamento con i festeggiamenti della sezione degli alpini? «Mio padre era un simpatizzante delle penne nere - spiega Cesare - fin da prima che nascesse il gruppo del paese. Ha partecipato a numerose iniziative e azioni di volontariato promosse dal corpo». Nell'elenco la costruzione della scuola per diversamente abili Nikolajewka di Mompiano, a Brescia: «Dopo il lavoro mio padre andava a dare una mano agli altri volontari nella costruzione dell'edificio, non senza sacrifici. Nemmeno una ferita alla mano l'ha fermato: dopo il terzo giorno di gesso se l'è tolto a forza con il flessibile per poter continuare a lavorare».
Anche a Claudio Belli, già presidente dell'Associazione commercianti di Borgosatollo, non sono mancati i premi (come l'Ercole D'oro) a testimoniare longevità e qualità dell'attività artigiana.
© RIPRODUZIONE RISERVATA