Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 17 luglio 2018

Striscioni contro l’area
destinata agli orti sociali

Gli striscioni di protesta a Borgosatollo (BATCH)

I residenti di via Brodolini lo hanno già ribattezzato con evidente vena polemica il «blitz di ferragosto». Nonostante sul controverso progetto penda un ricorso al Tar, il Comune di Borgosatollo ha deciso di avviare i lavori per l'allestimento degli orti sociali. Contro l'operazione era stata promossa una petizione sottoscritta da oltre cento cittadini che consideravano il sacrificio del mini parco un esproprio, visto che erano stati proprio gli abitanti di via Brodolini a sottrarlo in passato all'incuria e al degrado.

Nel frattempo davanti all'area al centro della contesa sono stati esposti dei cartelloni di protesta. Il progetto è finito anche nel mirino delle minoranze. A questo proposito il segretario della Lega Nord di Borgosatollo, Giuseppe Ratti, ha annunciato che i cantieri degli orti sociali saranno tenuti sotto stretta osservazione. «Aspettando di sapere se l'Amministrazione comunale aveva titolo per modificare quell'area - afferma Ratti - vigileremo affinché anche le delicate operazioni di diserbo vengano effettuate nella massima sicurezza, considerato che il parco è frequentato anche dai bambini». C.REB.