CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.07.2017

Marmo, la minoranza passa all’attacco

Una visione dall’alto delle cave di marmo di Botticino
Una visione dall’alto delle cave di marmo di Botticino

Tiene banco nel dibattito politico di Botticino il tema del rinnovo delle concessioni estrattive delle cave. Il Consiglio ne discuterà lunedì e la lista civica di opposizione «Laboratorio Civico per Botticino» lancia un appello alla maggioranza.

Gianfranco Camadini, consigliere comunale e Luca Feroldi della commissione cave scrivono: «Per tre anni abbiamo dato il nostro fattivo contributo, sia in seno al Consiglio comunale che nella competente commissione cave, formulando proposte concrete e cercando di promuovere un confronto dialettico e partecipato su una tematica così delicata e strategica per la nostra comunità. Le nostre proposte sono rimaste per lo più inascoltate, così come lo sono rimasti tutti gli interlocutori più qualificati che si sono approcciati al tema».

Il consigliere e il commissario delle cave proseguono. «Abbiamo assistito, da ultimo ad un’inaspettata ed incomprensibile accelerazione della giunta Marchese che vorrà arrivare nella seduta di lunedì all’approvazione definitiva dei criteri di quello che sarà il bando di gara; tali criteri presentano notevoli criticità e non sono stati oggetto di un appropriato percorso di confronto ed approfondimento. Le scelte dell’amministrazione sono state criticate da più parti, dalle opposizioni consiliari, da alcuni degli operatori economici del bacino e dalle stesse realtà associative che rientrano nell’alveo politico dell’attuale maggioranza». Nonostante questo, proseguono Camadini e Feroldi «la maggioranza persegue nei propri intenti che rischiano di compromettere definitivamente questa impostante risorsa per la nostra comunità. Sarebbe la prima volta nella storia del bacino marmifero ove il futuro delle cave viene deciso a colpi di maggioranza e non all’unanimità dei consensi delle forze politiche. Nel ribadire, pertanto, la nostra totale contrarietà alle scelte operate dall’amministrazione, sia nel merito che nel metodo, ci appelliamo ai consiglieri di maggioranza affinché, preso atto del fallimento del tema delle cave, portino la Giunta Marchese a ritornare sui suoi passi e ad attivarsi con un reale ed effettivo percorso di confronto e partecipazione democratica; non volendo - concludono - assumersi la responsabilità di aver affondata il mondo delle cave, storia, radici, cultura, economia della Comunità di Botticino».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1