CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.01.2018

Emme Esse, 60 anni in «orbita»

Il presidente di Emme Esse Mario Saldi e il direttore Andrea Negretti
Il presidente di Emme Esse Mario Saldi e il direttore Andrea Negretti

Franco Piovani La Emme Esse di Manerbio ha recentemente festeggiato i 60 anni di fondazione. Un anniversario giunto in un momento particolarmente florido per una delle eccellenze della industriali della provincia. La società per azioni guidata dal presidente Mario Saldi e diretta da Andrea Negretti è specializzata nella produzione di antenne, amplificatori e componenti per la ricezione televisiva terrestre e satellitare. Dispone di una rete di vendita dislocata in quindici agenzie in Italia ed è tra i fornitori ufficiali di importanti marchi internazionali. Con brevetti e prodotti elettronici di punta è presente in oltre 30 Paesi del mondo. Dal 2015 è distributrice esclusiva per il canale degli installatori di Humax Digital tra i leader mondiali nel settore Set Top BoxGateway. Tutto viene progettato e assemblato nello stabilimento in via Moretto che ha una capacità produttiva annua di 300 mila antenne, 200 mila parabole e 100 mila amplificatori. La più recente innnovazione è la prima linea di antenne completamente verniciate con una finitura estremamente curata al massimo grado di resistenza alla corrosione. Emme Esse ha chiuso il 2016 registrando un fatturato di oltre 12 milioni e mezzo di euro, in crescita di quasi 2 milioni, rispetto all’anno precedente. In occasione dell’anniversario sono stati premiati manager e dipendenti ad alta fedeltà come il membro del consiglio di amministrazione Giuseppe Staurenghi Maria Mor dell’ufficio amministrazione. Le altre benemerenze sono state appannaggio di Maria Angela Cremonesi (da 41 anni in azienda), Ruggero Dordi, Enrico Bianco, Matteo Rambaldini e William Galuppini. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1