Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 10 dicembre 2018
Erano 67 le «confische» Ora è un rebus | Hinterland

Erano 67
le «confische»
Ora è un rebus

La carte del «progetto definitivo» del 2014, che definitivo non era, prevedeva per Mazzano 67 destinatari di esproprio: dai piccoli «ritagli» di 200 metri quadrati a vasti campi anche di 12 mila metri, alcuni edifici e persino «pezzi» di rete stradale pubblica.

MA QUEL PROGETTO è passato sotto una sostanziale revisione: osservazioni, mitigazioni e l’eliminazione del viadotto di Ciliverghe, dovrebbe aver ridotto gli appezzamenti da acquisire. Stesso discorso per Calcinato, dove erano previsti 240 espropri: senza l’aggancio con lo shunt, saranno di meno. Quanti e quali ad oggi non si sa. Sono partite le «pre-lettere» inviate dal Cepav Due, il consorzio che costruirà la ferrovia, ma hanno solo valore informativo. L’unica cosa certa è il «conquibus»: i valori dei prezzi sono quelli fissati per legge e il Cepav ha fama di essere buon pagatore.V.R.