Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 24 novembre 2017

Erano 67
le «confische»
Ora è un rebus

La carte del «progetto definitivo» del 2014, che definitivo non era, prevedeva per Mazzano 67 destinatari di esproprio: dai piccoli «ritagli» di 200 metri quadrati a vasti campi anche di 12 mila metri, alcuni edifici e persino «pezzi» di rete stradale pubblica.

MA QUEL PROGETTO è passato sotto una sostanziale revisione: osservazioni, mitigazioni e l’eliminazione del viadotto di Ciliverghe, dovrebbe aver ridotto gli appezzamenti da acquisire. Stesso discorso per Calcinato, dove erano previsti 240 espropri: senza l’aggancio con lo shunt, saranno di meno. Quanti e quali ad oggi non si sa. Sono partite le «pre-lettere» inviate dal Cepav Due, il consorzio che costruirà la ferrovia, ma hanno solo valore informativo. L’unica cosa certa è il «conquibus»: i valori dei prezzi sono quelli fissati per legge e il Cepav ha fama di essere buon pagatore.V.R.