Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 21 novembre 2017

Il referendum sull’acqua
sta diventando «bollente»

Acqua... bollente. L’iter verso il referendum consultivo sulla gestione del ciclo idrico è appena iniziato, ma il clima è già rovente. «Gli amministratori pubblici continuano a difendere a spada tratta il modello pubblico-privato, fallimentare sotto tutti i punti di vista», attacca Mariano Mazzacani del comitato promotore della consultazione popolare, denunciando «una campagna di disinformazione promossa trasversalmente dalle istituzioni».

Il comitato attacca a tutto campo. A partire dal difficile controllo di una società mista come Acque Bresciane, «dove un forte socio di maggioranza relativa (dal 40 al 49%) potrà avere buon gioco nei confronti di una composizione societaria polverizzata. Dicono che il pubblico non ha capitali da investire? - aggiunge Marco Apostoli -: niente di più falso. Il Comune di Milano gestisce in house il servizio idrico integrato della città e svolge un’accurata manutenzione della rete: le perdite idriche nel capoluogo lombardo sono al 10,4%, a fronte di una media nazionale del 31, e il costo dell’acqua è il più basso a livello nazionale: 100 euro pro capite, contro i 220 di Brescia».

Vi sono poi questioni «che non vengono mai evidenziate - dice Francesco Raucci - come il fatto che la Regione abbia stanziato 20 milioni per infrastrutture idriche, gran parte destinati a Comuni gestiti da A2A, che avrebbe dovuto farsi carico di tali investimenti, in particolare per l’impianto di Nuvolera».

«Ci sarebbe qualcosa da dire anche in merito al depuratore di Visano - aggiunge Fiorenzo Bertocchi - esempio lampante di cattiva programmazione e gestione: 80 chilometri di condutture per portare la rete fognaria dal Garda alla Bassa Bresciana. É evidente che ci sono in gioco interessi enormi».

«Al netto di ricatti, falsità e palesi violazioni del codice etico, rappresentate da persone in chiaro conflitto di interesse - conclude Cesare Giovanardi - confidiamo che alla fine i cittadini potranno esprimersi liberamente su un tema delicato come la gestione dell’acqua pubblica». C.REB.