Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 10 dicembre 2018
Infrastrutture & Territorio | Hinterland

Infrastrutture & Territorio

Che cosa manca per poter accendere le ruspe sui cantieri della Tav Brescia-Verona? In pratica solo tre passaggi, che si possono però dare ormai per scontati da quando il Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, ha approvato i fondi e il progetto definitivo a fine luglio: manca il via libera della Corte dei Conti sui fondi e sul contratto con Italferr e Cepav; quindi la pubblicazione in Gazzetta ufficiale; infine la dichiarazione di pubblico interesse per poter procedere con gli espropri.