CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.08.2017

Addio alle due suore dorotee

Rezzato porgerà nel pomeriggio l’ultimo saluto alle suore dorotee
Rezzato porgerà nel pomeriggio l’ultimo saluto alle suore dorotee

Dopo più di ottant'anni Rezzato rimarrà orfano delle congregazioni religiose che per decenni ne hanno popolato il centro storico. Domani, infatti, anche le ultime due sorelle maestre di Santa Dorotea lasceranno per sempre il palazzo di via Scalabrini chiudendo così un'importante pagina di storia religiosa nella vita della cittadina dell'hinterland.

Giunte a Rezzato nel lontano 1936, le suore dorotee hanno da sempre preso parte alla vita della parrocchia. Sistemate negli spazi di via Scalabrini, dal 1947 al 1984 furono affiancate nel loro ministero di sostegno alla chiesa locale dai padri scalabriniani, i quali promossero anche un seminario nei saloni allora abbandonati di villa Fenaroli.

Nonostante la carenza di vocazioni, fino ad oggi le suore hanno prestato un servizio importante nella comunità rezzatese, ospitando nei loro spazi le attività del catechismo e promuovendo tra l'altro un fortunato corso di cucito che per anni ha radunato le bambine del paese e che ancora quest'anno contava più di 50 iscritte. Risultati che hanno contributi a valorizzare il loro impegno a favore della copmunità.

Nel tardo pomeriggio alle 18.30 nella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista sarà celebrata una messa per salutare suor Armida e suor Valeria che, ormai anziane, domani lasceranno la comunità di Rezzato e partiranno alla volta di altre case della loro congregazione, lasciando un vuoto colmo di ricordi e amicizia nella comunità rezzatese.

Il palazzo di via Scalabrini e il teatro annesso, attualmente di proprietà della parrocchia, verranno comunque utilizzati per le varie attività religiose in attesa che il prossimo anno venga aperto il nuovo oratorio interparrocchiale.L.REB.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1