CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.02.2018

Aree dismesse, la riconversione aiuta l’ambiente

L’ex Pama in una foto d’archivio
L’ex Pama in una foto d’archivio

Recupero dei siti dismessi per incrementare le aree produttive senza aumentare il consumo di suolo. È questa la formula urbanistica ideata per coniugare ambiente e attività industriali contenuta nella seconda ingente variante al Pgt adottata nei giorni scorsi dal Consiglio comunale di Rezzato. Tra le principali aree destinate al recupero per finalità produttive seppur con un aumento dell’area verde spiccano nella zona meridionale del paese il sito della ex Pama e l’area a sud del centro commerciale Continente. Al posto della pista di go-kart ormai in disuso si prevede la realizzazione di un altro sito produttivo e un collegamento ciclopedonale con Brescia, dove attraverso via Bormioli potrebbe completarsi il collegamento ciclabile con la metropolitana di Sant’Eufemia. Altro cospicuo capitolo è quello legato al rischio idrogeologico con la previsione di destinare alcune aree per delle vasche di laminazione in grado di regolare le piene del torrente Rio Musia in Valverde e del torrente Rino a Virle. «Sono per fortuna finiti gli anni del consumo di suolo caotico e senza freni - commenta l’assessore all’Urbanistica Giorgio Gallina - ora l'attenzione è rivolta al recupero e alla riqualificazione dell'esistente con alcune aree che saranno persino riportate ad una destinazione agricola». Tra i siti dismessi su cui, però, la variante non interviene figura il complesso dell’ex Microplastica di Treponti. Il vecchio Pgt prevede in questo caso una destinazione degli edifici ad uffici e servizi con il recupero delle facciate storiche e la demolizione delle strutture antistanti ricoperte in amianto. «Il sito in questione è privato - ricorda Gallina - dal momento che la legge non ci permette di agire direttamente, abbiamo chiesto che il proprietario svolgesse una valutazione sullo stato di conservazione dell’amianto. L’ultima analisi condotta non ha rilevato particolari deterioramenti quindi per ora possiamo solo limitarci a tenere monitorata la situazione». •

L.R.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1