Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 18 settembre 2018

«Casa Almici» amplia gli spazi

La Rsa «Almici» di Rezzato

La Casa di riposo di Rezzato è pronta rifarsi il look. A partire dal prossimo autunno, infatti, «casa Almici», come sono soliti chiamarla i volontari, sarà al centro di importanti interventi di manutenzione che permetteranno di ampliarne parzialmente la capienza e di mettere in sicurezza il tetto. Con ben quindici anni di attività alle spalle, la Rsa Almici di Rezzato raggruppa tre diversi servizi: una casa di riposo, un centro diurno e un centro diurno disabili. A fronte di una lunghissima lista d’attesa per poter accedere alla casa di riposo - si parla di circa 200 richieste su poco più di 50 posti letto disponibili - il Cda dell’azienda presieduto da Angelo Laffranchi ha concordato con il Comune di Rezzato importanti lavori di restyling per lo stabile di via Santuario. Il Comune, infatti, ha finanziato con 100 mila euro un intervento per riorganizzare gli spazi interni della struttura, principalmente murando la veranda al piano terra e creando una nuova unità abitabile sul terrazzo, al fine di ricavare altri tre posti «sollievo» per le degenze brevi che si uniranno all’unico posto già presente. A sua volta, con i ricavi di questa operazione, la Rsa finanzierà di tasca propria interventi per 400 mila euro per rifare completamente il tetto e installare un impianto di pannelli solari della potenza di 70 Kw che daranno completa autonomia energetica all’edificio. Un investimento importante che si unisce alla coraggiosa scelta fatta lo scorso aprile di assumere a tempo indeterminato ben 19 nuovi operatori al posto del personale appartenente a cooperative esterne. «Ovviamente questi interventi non mandano definitivamente in soffitta l’idea di realizzare un ampliamento definitivo come si prevede da anni - ribadisce il presidente Angelo Laffranchi - ma in questo caso stiamo parlando di cifre che s’aggirano sui 4 milioni di euro pertanto difficilmente reperibili in questo momento». Tra gli interventi previsti vi è anche lo spostamento degli uffici amministrativi. •