CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.09.2018

Gli insulti sui resti del capanno Il raid è avvenuto l’altra notte La postazione di caccia è stata letteralmente rasa al suolo
Gli insulti sui resti del capanno Il raid è avvenuto l’altra notte La postazione di caccia è stata letteralmente rasa al suolo

Un raid vandalico che «avvelena» l’apertura della stagione venatoria. Ieri notte un capanno di caccia alle allodole al confine tra la città e Roncadelle è stato raso al suolo. La postazione autorizzata da trent’anni non aveva mai creato problemi. Nessun dubbio sulla rivendicazione del blitz: i responsabili hanno imbrattato i resti del capanno con insulti nei confronti dei cacciatori. Ieri il proprietario ha presentato denuncia ai carabinieri di Brescia. «Ognuno - è l’amaro commento di Carlo Bravo, presidente Associazione Cacciatori Lombardi -, è libero di pensarla come crede, ma questi gesti sono inqualificabili. Non trovo parole per definire questi individui che considerano degli “assassini” i cacciatori che invece hanno tutte le carte in regola per svolgere la loro attività. Penso che il sentimento di astio alimentato dalle associazioni anti-caccia abbia superato il limite e rischi di provocare episodi ben più gravi di quello dell’altra notte». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1