Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 22 settembre 2018

Al cinema per riflettere sul dramma di chi migra

Il grosso degli appuntamenti si presenterà nei prossimi giorni, quando nella consueta cornice del parco delle Montagnette di Roncadelle prenderà il via la nuova edizione della rassegna cinematografica sotto le stelle che terrà banco per tutto il mese di agosto. Ma in vista del cartellone più corposo, gli organizzatori hanno deciso di offrire un prologo, sempre cinematografico, per riflettere sul grande e attualissimo problema delle migrazioni e sui flussi di richiedenti asilo al centro di politiche diciamo così «opinabili» (o forse meglio di non politiche) promosse anche dal nostro Governo. Così, questa sera e poi nella serata di martedì prossimo, 31 luglio, la cittadina proporrà due proiezioni dedicate appunto al tema della fuga dal Sud del mondo. Sempre nella cornice dell’area verde attrezzata che si affaccia su via Marconi. Per quest’oggi la mini programmazione ad accesso gratuito prevede alle 21 la presentazione del pluripremiato «Timbuktu», un’opera che racconta dei conflitti nel Mali, mentre martedì prossimo sarà la volta del documentario intitolato «Wallah je te jure», una raccolta di interviste a migranti in viaggio dall’Africa occidentale verso l’Italia. L’INIZIATIVA non solo culturale è stata organizzata dall’amministrazione comunale e dall’associazione «Ambasciata per la democrazia locale a Zavidovici», una realtà che gestisce vari progetti Sprar per la micro accoglienza dei richiedenti asilo nella Provincia di Brescia e che porterà tra il pubblico alcuni rifugiati pronti a raccontare le proprie esperienze in relazione alle realtà descritte nei film. •