Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Il «ponte dei sospiri» mette in salvo i pedoni

Il ponte di Roncadelle fulcro del cantiere che sarà aperto domani

L’estate di Roncadelle porterà oltre al caldo anche un ponte più sicuro per automobilisti e pedoni. Con l’alleggerimento del traffico coinciso con la fine delle scuole, da domani inizieranno i lavori attesi da tempo sul ponte di via Ghislandi: quello che scavalca l’autostrada A4 e collega il paese alla zona dei centri commerciali e agli innesti della tangenziale Sud. L’operazione per la quale il Comune ha investito 100 mila euro servirà soprattutto a rifare le barriere laterali di protezione ormai vecchie di una trentina d’anni e, come sottolineato da tempo dalla società Autostrade, non più a norma. Ma oltre a questo rifacimento il cantiere porterà un’altra novità importante in fatto di sicurezza: sul lato Est del ponte verrà costruito un passaggio pedonale largo poco più di un metro. UNA NOVITÀ non da poco, visto che tutti i giorni non mancano le persone che, forse non al corrente dell’esistenza del sottopassaggio pedonale già presente in via Fermi, decidono di incamminarsi pericolosamente ai bordi della carreggiata per raggiungere a piedi Le Rondinelle, la sala Bingo o il punto vendita Decathlon. Stando a quanto pianificato, le opere dovrebbero concludersi entro un mese e per tutta la durata sul manufatto sarà istituito il senso unico alternato. Ma l’intervento di via Ghislandi non è l’unica iniziativa importante. Oltre all’attuazione del piano asfalti (con lavori che in questo momento interessano tratti molto frequentati come le vie Marconi e Santa Giulia), a breve anche la caserma dei carabinieri in via Dalla Chiesa sarà interessata da ristrutturazioni dal costo complessivo di 50 mila euro: una spesa alla quale contribuisce anche il Comune di Castel Mella, l’altro paese «coperto» dall’attività della stazione roncadellese. •