Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 17 ottobre 2017

L’embargo è finito
Ritornano i premi
per i nuovi «dottori»

Non è esattamente un periodo (lungo) di prosperità finanziaria per gli enti locali, ma a Roncadelle hanno deciso di continuare investire sui cittadini più giovani alla ricerca di un buon futuro anche professionale, e per questo il Comune ha rilanciato la consuetudine dei premi per i residenti laureati più meritevoli.

Sul sito web del municipio è stato da poco pubblicato il bando, che mette a disposizione premi da 300 euro per giovani «diplomati» con corsi di laurea di primo ciclo (le triennali) e da 500 euro per quelli che hanno superato i percorsi quinquennali. Ovviamente con votazioni di buon livello.

È un riconoscimento che l’amministrazione locale torna a mettere a disposizione dei cittadini, dal momento che l’assegnazione era stata istituita nel 2002 e poi messa in stand by dal 2011 a causa del patto di stabilità da rispettare. Ora 14.400 euro sono stati messi da parte appositamente per queste scopo, e l’operazione si rivolge ai roncadellesi che si sono laureati nell’arco di tempo compreso tra il 19 dicembre 2010 e il 29 luglio 2017: quest’ultima è anche la data in cui scade il termine per presentare la propria richiesta.

I SOLDI del «montepremi» sono stati raccolti anche grazie all’associazione del «Mercatino del tempo che fu», il grande raduno di hobbisti che si svolge nell’area del Centro 2000, che ha messo a disposizione tremila euro, mentre un gruppo di aziende con sede sul territorio hanno a loro volta raccolto ben 7.200 euro, mentre il Comune continua a sollecitare le aziende potenzialmente interessate a unirsi al progetto per ampliare la quota già stanziata.

Data anche l’ampiezza del periodo di tempo, quasi 7 anni, preso in considerazione per individuare i laureati più meritevoli, la precedenza sarà per chi ha conseguito votazioni finali pari o superiori a 100 centesimi.