Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 13 dicembre 2018
Richiedenti asilo Roncadelle diventa un caso da studiare | Roncadelle

Richiedenti asilo Roncadelle diventa un caso da studiare

La delegazione delle studentesse inglesi in visita a Roncadelle (BATCH)

Il modello di accoglienza di Roncadelle diventa una occasione di approfondimento internazionale. Succede dalla mattina di sabato, quando cinque studentesse di Urbanistica dell’University College of London, guidate dal docente Camillo Boano, hanno incontrato la giunta e il curato don Massimo Pucci per parlare di modelli di sviluppo urbano da abbinare all’accoglienza di migranti e richiedenti asilo. Le studentesse, londinesi d’adozione ma originarie di Egitto, India, Cina, Colombia e Brasile, sono arrivate a Roncadelle grazie alla onlus «Adl a Zavidovici», la realtà che gestisce il progetto Sprar anche su questo territorio e che ormai da otto anni porta in visita in vari Comuni bresciani ragazzi dell’università inglese per mostrare loro come funzionano concretamente i progetti di accoglienza nelle diverse realtà. La delegazione arrivata a Roncadelle è parte di un gruppo più ampio di ben 30 iscritti all’University College of London che in questo momento stanno facendo esperienze analoghe nelle realtà urbane con progetti Sprar gestiti dall’associazione fondata da Agostino Zanotti. • F.GAV.