Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 17 novembre 2018

Roncadelle, a scuola con i piedi per terra

Uno scorcio del nuovo orto didattico di Roncadelle

Uno dei problemi più evidenti in moltissimi bambini è l’estraniazione da qualsiasi essere vivente non bipede, che si tratti di vegetali o ancor più di animali. È l’effetto combinato dell’urbanizzazione, della comunicazione elettronica come stile di vita e, perché no, anche delle fobie e delle ansie di non pochi genitori. Ecco perché ha ancora più valore l’iniziativa che si è concretizzata ufficialmente ieri con l’inaugurazione, a Roncadelle, dell’«orto didattico» realizzato nell’Istituto comprensivo la cui cura sarà affidata proprio ai bambini della elementare. L’ALLESTIMENTO di questo spazio verde fa parte di un ampio progetto formativo: è stato realizzato dai ragazzi del «Dandolo» di Bargnano di Corzano, l’istituto superiore per l’agricoltura che lo scorso gennaio ha spedito a Roncadelle otto ragazzi di seconda del corso florovivaisti proprio per attuare il progetto. E non è il solo: il nuovo orto infatti ne affiancherà uno già esistente da un anno, e ora affidato ai ragazzini della media, mentre i bambini della scuola dell’infanzia già da qualche anno possono svolgere attività in un orto realizzato per loro dai giovani dell’associazione «Roncadelle in fermento». «Prendersi cura di questo spazio - commentava ieri il sindaco Damiano Spada - costituirà per i bambini un momento educativo e sociale, che li sensibilizzerà in fatto di rispetto verso la natura e il lavoro dell’uomo, rendendoli inoltre più consapevoli a proposito di ciò che arriva sulle nostre tavole». Oltre che grazie al lavoro manuale degli studenti superiori del Dandolo e alle cure dei bambini di Roncadelle, la realizzazione è stata resa possibile grazie alla sostegno finanziario della Fondazione Cogeme onlus e dell’amministrazione comunale. •