Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 23 settembre 2018

Sicurezza elettronica: si parte C’è un piano da 250 mila euro

Sicurezza: Roncadelle si affida all’elettronica

Per la sua vicinanza alla città e per i servizi che offre Roncadelle è da molti anni una delle destinazioni preferite da persone nate e residenti altrove. Le zone urbanizzate sono cresciute, e l’espansione della cittadina ha finito per «importare» anche problemi di sicurezza, di illegalità condivisi con molti altri centri. La qualità della vita è costituita anche dalla componente della tranquillità, e così l’amministrazione comunale ha deciso di investire in questo campo, destinando 250 mila euro per la vidosorveglianza del territorio. È questo l’importo che il Comune spenderà per la realizzazione ex novo, di un sistema che assolveràa due funzioni principali: la lettura in tempo reale delle targhe dei veicoli in cinque accessi a Roncadelle e il monitoraggio non stop di luoghi sensibili. LA NUOVA rete di videosorveglianza, che così strutturata costituisce una novità e per la cui realizzazione va ancora aperta la gara d’appalto, dovrebbe essere installata e pronta per il prossimo mese di dicembre, e secondo l’amministrazione si tratta di un primo passo che, in caso di risultati convincenti, porterà a eventuali potenziamenti del sistema. I luoghi pubblici che saranno controllati dalle telecamere saranno, per il momento, la zona dell’Istituto comprensivo e il parco Cono ottico. Eventuali potenziamenti saranno così destinati a edifici pubblici, parchi, luoghi di istruzione e di culto. Per quanto riguarda invece il controllo dei veicoli in entrata è per ora previsto che cinque degli otto punti d’accesso principali vengano dotati di telecamere che, «leggendo» le targhe, scopriranno se i mezzi presenti saranno rubati o privi di assicurazione: informazioni preziose per le operazioni di controllo svolte dalla polizia locale e dai carabinieri. «Il sistema di videosorveglianza consentirà di migliorare le attività di prevenzione e intervento della polizia locale - anticipano dal municipio -. Con questa operazione l’ente locale vuole rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini e creare un deterrente verso fenomeni criminosi o vandalici». •