Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 18 agosto 2018

Consiglio al completo
ma senza il «triennale»

Il ritorno in Consiglio comunale dei gruppi di minoranza di Adro, «Insieme si può» e «Idea civica», che si erano autosospesi e sono infine, è stato l’aspetto saliente della riunione di lunedì sera.

All’ordine del giorno c’erano numerosi punti. Tra questi l’adesione al referendum regionale per l’autonomia della Lombardia, il piano di bilancio triennale, il piano delle prestazioni sociosanitarie del distretto e la concessione di una deroga al Piano di governo del territorio per il fabbricato di un privato.

Dei quattro ex «autosospesi», Giulia Traversi e Giordano Colleoni, di Idea civica, hanno votato a favore del referendum, al contrario di Luca Belloli e Gian Lorenzo Bertola. Il piano triennale invece è stato rinviato ad altra seduta, per sopraggiunte novità legislative a livello nazionale.

Le divergenze sono emerse sulla proposta di deroga alle distanze stabilite dall’Asl per ristoranti e punti di vendita di alimentari da stalle e concimaie, punto che ha avuto il voto contrario dei quattro di minoranza. G.C.C.