Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 12 dicembre 2017

La nuova «Casa della Luna»
rinasce con firma d’autore

Un progetto d’autore per cambiare la faccia della Luna. Il Lions Club «Adro e la Franza Curta» ha regalato all’associazione adrense, che dal 2003 opera sul territorio in sostegno alle persone con diagnosi di autismo e sindromi correlate, un restyling completo firmato dall’architetto e socio del club, Alberto Bonandrini. Si tratta di un progetto che trasformerà i locali di via Cairoli - concessi in comodato d’uso gratuito dal Comune per i prossimi 12 anni - in una sede nuova di zecca e in un centro diurno di assistenza e cura.

«IL NOSTRO CLUB ha preso a cuore la tematica dell’autismo organizzando sul territorio diversi service che in totale ammontano a circa 24 mila euro già erogati - sottolinea il presidente del Lions, Riccardo Bordogna -. L’ultimo step è stato quello di mettere a disposizione dell’associazione adrense il progetto di Bonandrini».

Verrà dunque ridisegnata, con una manutenzione straordinaria, la distribuzione dei locali dell’ex asilo in funzione delle attività sanitarie e assistenziali previste, ma anche una riqualificazione degli spazi in termini di adeguamento igienico-sanitario, efficienza energetica e conformità impiantistica.

«Il progetto della nuova Casa della Luna - spiega Bonandrini - si sviluppa su una superficie di 277 metri quadrati e prende le mosse dalle indicazioni espresse dalla direzione e dal personale medico della Luna onlus, allo scopo di ottenere locali idonei alle diverse attività terapeutiche previste: psicologia e terapia di gruppo, neuropsichiatria e psicopedagogia, logopedia, psicomotricità, sostegno alle famiglie e attività ricreative. Tutto questo - aggiunge l’architetto - ha comportato un riordino distributivo degli spazi dell’ex cucina, con la realizzazione di una grande reception destinata anche alle riunioni e alla ricreazione, un ufficio segreteria, cinque stanze per le terapie, una palestra, un piccolo office di servizio, bagni per il personale e per gli ospiti».

Per mettere a punto l’intervento progettato da Bonandrini saranno necessari circa 150 mila euro, che l’associazione Luna sta cercando di raggranellare tra amici e sostenitori.

Da domani a domenica, con l’organizzazione della Banda Puccini di Adro, sono in programma tre giorni di enogastronomia, animazione e musica nell’area feste del borgo franciacortino. Tutto il ricavato della manifestazione sarà devoluto al progetto della nuova Casa della Luna.