CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

31.10.2017

Bilancio partecipato
Sul programma
votano i cittadini

Il sindaco Massimo Vizzardi
Il sindaco Massimo Vizzardi

In «ballo» ci sono 200 mila euro ma anche un valore che non ha prezzo: quello della partecipazione civica e dell’impegno di tutti per il futuro della cittadina.

CON QUESTE PREMESSE il 9 novembre, nella Sala Repossi a Chiari, si svolgerà la «passerella» finale dei progetti ipotizzati dai cittadini di ogni Quadra nell’ambito del «Bilancio partecipato».

Dalle 21 sarà possibile conoscere i progetti sui quali ogni cittadino sarà poi invitato a votare a fine mese, per scegliere le opere da realizzare nelle quattro contrade cittadine, oltre che alla Villa Mazzotti, «jolly» geografico di questo bilancio condiviso, essendo al centro dell’attenzione di tutte le Quadre.

Le idee dei quattro gruppi volontari erano ben 49, emerse dalla prima fase del bilancio partecipato. Ora verrà presentata una scrematura di cinque progetti che vertono su ambiti come verde e sport, arredo urbano, mobilità dolce, tempo libero e cultura, sociale e altri servizi.

Verranno esposti solo i progetti che sono stati ritenuti realizzabili dagli uffici tecnici. Quindi si passerà alle votazioni, dal 20 novembre al 2 dicembre, per eleggere i progetti vincitori. Per ogni Quadra sono stati stanziati 40mila euro di budget (stessa somma per la Villa) per un totale di 200 mila euro. Qualora dovessero avanzare quattrini, le somme restanti saranno utilizzate per il sesto progetto.

«Il progetto - ha ricordato il sindaco di Chiari, Massimo Vizzardi - è finalizzato a dare concretezza alla scelta democratica che ci ha consentito di governare e che vogliamo condividere anche nelle azioni con gli elettori e tutti i cittadini».

Massimiliano Magli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1